Assegno per genitori monoreddito o disoccupati con figli disabili a carico

Contributo per genitori disoccupati o monoreddito con figli disabili a carico per un importo massimo di 500 euro al mese.
A chi è rivolto:
Genitori con figli con disabilità riconosciuta non inferiore al 60%
Requisiti:
Essere disoccupati o monoreddito

Che cos’è

Sostegno per genitori disoccupato o monoreddito, appartenenti ad un nucleo familiare monoparentale, con figli a carico con una disabilità riconosciuta non inferiore al 60%.

Requisiti

I destinatari dei contributi previsti dal Governo sono i genitori con figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%.

Possono accedere al contributo coloro che, al momento della presentazione della domanda, risultano in possesso, cumulativamente, dei seguenti requisiti:

Si deve intendere per:

  1. “Genitore disoccupato”, la persona priva di impiego oppure la persona il cui reddito da lavoro dipendente non superi le 8.145 euro all’anno o 4.800 euro annui da lavoro autonomo.
  2. “Genitore monoreddito”, colui che riceve reddito esclusivamente dallo svolgimento dell’attività lavorativa, nonostante questa “sia prestata in favore di una pluralità di datori di lavoro” oppure che percepisce “un trattamento pensionistico previdenziale”, con l’esclusione di eventuali altri trattamenti assistenziali. Non fa parte del reddito l’eventuale proprietà della casa di abitazione.
  3. “Nucleo familiare monoparentale”, il nucleo composto da uno solo dei genitori con uno o più figli a carico con disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%. Ad esempio genitori divorziati, vedovi o single.
  4. “Figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60 per cento”: per figli a carico si intendono quelli che non essendo economicamente indipendenti continuano ad essere mantenuti dal proprio genitore. In particolare, per restare a carico del genitore un figlio deve avere un reddito non superiore a 4.000 euro fino a 24 anni e non superiore a 2.840,51 euro se ha un’età maggiore di 24 anni.

Misura del sussidio

Il sussidio è riconosciuto mensilmente dall’INPS per un importo pari a 150 euro mensili, a partire dal mese di gennaio e per l’intera annualità.

Per i genitori con due o più figli a carico, in possesso di una disabilità non inferiore al 60%, il contributo è pari, rispettivamente, a 300 euro ed a 500 euro mensili complessivi.

Più in particolare il contributo sarà così articolato:

Il contributo mensile, per espressa disposizione ministeriale, non concorre alla formazione del reddito complessivo ai fini fiscali del beneficiario ed è altresì cumulabile con il Reddito di cittadinanza.

Decadenza

Il beneficiario decade dal sussidio in mancanza di uno dei requisiti previsti, oppure per una o più delle seguenti cause:

Il genitore è tenuto a segnalare immediatamente all’INPS il verificarsi di una delle cause di decadenza.

Il beneficiario è altresì tenuto ad informare tempestivamente l’INPS in caso di ricovero del figlio presso istituti di cura di lunga degenza ovvero altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica. L’Istituto provvederà, in questo caso, a sospendere il sussidio per tutto il periodo di ricovero.

Presentazione della domanda

La domanda per ottenere il beneficio deve essere presentata annualmente dal genitore e corredata dalla dichiarazione del possesso dei requisiti in autocertificazione.

Va presentata per via telematica sul sito INPS secondo le modalità e le scadenze definite, con una circolare, dall’Istituto che non è stata ancora pubblicata

La proceduraa al momento non è acora disponibile.

Consegna la Pratica in ufficio

Pratica in ufficio