Indennità maternità/paternità-lavoratrici e lavoratori autonomi

Alla lavoratrice autonoma durante il periodo di tutela della maternità/paternità, spetta un'indennità economica erogata dall'INPS
A chi è rivolto:
Lavoratori autonomi
Requisiti:
Iscrizione alla gestione dei lavoratori autonomi dell'INPS

Che cos’è

Durante il periodo di tutela della maternità/paternità, alla lavoratrice e al lavoratore autonomo spetta un’indennità economica erogata dall’INPS.

Come previsto dagli articoli 66 e seguenti del TU, l’indennità è riconosciuta due mesi prima del parto e per i tre mesi successivi.

Novità introdotta dalla Legge di Bilancio 2022

Legge n. 234/2021, introduce per le lavoratrici autonome con reddito fino a 8.145 euro, tre mesi in più di congedo/indennità di maternità. Questo periodo si aggiunge ai cinque mesi già attualmente previsti, portando a otto mesi la durata del congedo di maternità per le lavoratrici autonome, purché la lavoratrici siano in possesso della regolare copertura contributiva per tutto il periodo indennizzabile per maternità.

A chi è rivolto

L’indennità di maternità spoetta alle lavoratrici/lavoratori autonomi:

Requisiti

Per ottenere il riconoscimento è necessario:

L’indennità può essere richiesta anche se l’iscrizione alla propria gestione è avvenuta successivamente alla data di inizio del periodo indennizzabile per maternità:

1.Se l’iscrizione è richiesta entro i termini di legge (30 giorni dall’inizio dell’attività per artigiani e commercianti e 90 giorni dall’inizio dell’attività negli altri casi) e l’attività è iniziata prima dell’inizio del periodo di maternità, l’indennità spetta per l’intero periodo di maternità.

2.Nel caso in cui l’attività lavorativa autonoma sia iniziata, invece, successivamente all’inizio del periodo di maternità, l’indennità spetta per il periodo successivo all’inizio dell’attività.

3.Se l’iscrizione avviene oltre i termini di legge, l’indennità di maternità spetta a partire dalla data della domanda di iscrizione alla gestione di appartenenza.

L’indennità spetta al padre lavoratore autonomo, per il periodo in cui sarebbe spettata alla madre lavoratrice autonoma, o per la parte residua, in caso di:

Misura dell’indennità

L’indennità è calcolata, per ciascuna giornata del periodo indennizzabile, in misura pari all’80% della retribuzione convenzionale stabilita ogni anno, in base alla rivalutazione dell’indice ISTAT.

   Categoria  Retribuzione giornaliera  Indennità maternità (80%)
Artigiane€ 48,98€ 39,18
Commercianti€ 48,98€ 39,18
Coltivatrici dirette, colone e mezzadre€ 43,57€ 34,86
Pescatrici€ 27,21€ 21,77
Importi anno 2021

Compatibilità

L’indennità di maternità è compatibile con l’attività lavorativa, pertanto nonvi è l’ìobbligo di astenersi dal lavoro.

Come richiederla

Le lavoratrici autonome devono presentare la domanda di indennità, telematicamente all’INPS, successivamente al parto e comunque non oltre il termine prescrizionale di 1 anno.

Documenti da allegare alla domanda di maternità:

Termini di presentazione

Il termine prescrizionale  decorre dal giorno successivo alla fine del periodo indennizzabile per maternità (5 mesi dalla data del parto)

Decorso tale termine di 1 anno, infatti, il diritto all’indennità si perde

Compila la Pratica online

Pratica online

Consegna la Pratica in ufficio

Pratica in ufficio