Pensione “Opzione Donna”

La pensione "Opzione Donna" consente alle lavoratrici che perfezionano i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2022 di accedere prima al pensionamento rispetto alla generalità dei lavoratori e lavoratrici. Il calcolo della pensione sarà interamente contributivo.
A chi è rivolto:
La pensione "Opzione Donna" può essere richiesta dalle lavoratrici autonome e dipendenti.
Requisiti:
Occorre avere almeno 60 anni di età (requisito ridotto fino a 2 anni in presenza di figli), almeno 35 anni di anzianità contributiva e occorre rientrare in una delle tre categorie interessate
Scadenza:
31-12-2022

Che cos’è

La pensione “Opzione Donna” spetta alle donne che possono accedere alla pensione con i requisiti (di età e contributi) ridotti rispetto alla generalità dei lavoratori. Questa tipologia di pensione si basa sul sistema di calcolo interamente contributivo.

A chi è rivolto

Dal 1° gennaio 2023, la pensione “Opzione Donna” spetta alle donne lavoratrici autonome o dipendenti, che perfezionano i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2022.

Requisiti

Per accedere alla pensione “Opzione Donna”, per le donne che perfezionano i requisiti entro il 31 dicembre 2022, sono richiesti:

Per poter richiedere la pensione “Opzione Donna” è richiesto, inoltre, di essere in una delle tre seguenti condizioni:

a) assistere, al momento della richiesta e da almeno sei mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero un parente o un affine di secondo grado convivente qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i settanta anni di età oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti;

b) avere una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, superiore o uguale al 74 per cento;

c) essere lavoratrici licenziate o dipendenti da imprese per le quali è attivo un tavolo di confronto per la gestione della crisi aziendale presso la struttura per la crisi d’impresa di cui all’articolo 1, comma 852, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.

E’ richiesto, inoltre, il rispetto del periodo della cosiddetta “finestra mobile” pari a:

Si potrà accedere alla pensione in qualsiasi momento, anche successivo al 31 dicembre 2022, purchè la “finestra mobile” risulti aperta.

Ad esempio, una lavoratrice autonoma perfeziona età (60 anni) e contributi (35 anni) a novembre 2022. La “finestra mobile” di 18 mesi si applicherà da tale data e risulterà aperta dal 1° giugno 2023. Data tale data, la lavoratrice potrà decidere di accedere alla pensione in qualsiasi momento.

IL SISTEMA DI CALCOLO DELLA PENSIONE

La pensione “Opzione Donna”, spetta se la lavoratrice vanta almeno un contributo prima del 1° gennaio 1996. Questo requisito consente, infatti, di applicare “l’opzione al contributivo” (art. 1, comma 23, Legge n. 335/1995): la pensione sarà liquidata, quindi, con il sistema di calcolo interamente contributivo.

ULTERIORI REQUISITI RICHIESTI

Trattandosi di una pensione di anzianità, anche per l’“Opzione Donna” vale il principio che l’anzianità contributiva pari ad almeno 35 anni, deve essere perfezionata senza la contribuzione figurativa derivante da eventi di disoccupazione e malattia.

Inoltre, come chiarito dall’INPS, la lavoratrice può beneficiare della prestazione anche qualora abbia già perfezionato il diritto ad altra prestazione pensionistica.

Come richiederlo

Al momento le procedure INPS non sono attive.

Termini di presentazione

Non è previsto un termine per la presentazione della domanda di pensione “Opzione Donna”, purché i requisiti risultino soddisfatti entro il 31.12.2022.

Ulteriori modalità di accesso a “Opzione Donna”

Resta valida la normativa vigente prima del 1° gennaio 2023. In sintesi, le lavoratici che perfezionano il diritto entro il 31 dicembre 2021, possono accedere ad “Opzione Donna”:

Anche in queste ipotesi, occorre rispettare il periodo di “finestra mobile”, pari a:

Consegna la Pratica in ufficio

Pratica in ufficio